Article Marketing Italiano

Article Marketing

Metalli Preziosi su Quali Investire ?

I metalli preziosi sono tra i beni che meglio mantengono il loro valore nel tempo, questi al pari di altri beni preziosi come i diamanti sono di difficile reperibilità e godono di una costante domanda di mercato che risulta difficile da esaudire per la loro scarsità.
Del resto se i metalli preziosi fossero abbondanti il loro prezzo finirebbe per perdere di valore.
Tra i metalli di valore più richiesti c’è sicuramente l’oro che oltre ad avere la capacità di mantenere ed accrescere il proprio valore è anche facile da vendere anche sotto forma fisica.
Questa facilità di conversione in denaro è possibile grazie ad attività come questo compro oro Firenze che si sono diffuse negli ultimi anni complici le continue crisi economiche e di altra natura che hanno portato un numero crescente di persone a dover vendere l’oro usato che detenevano.
L’oro non è l’unico metallo facile da monetizzare, anche l’argento è possibile venderlo anche se ad un costo molto minore in quelle stesse attività in cui è possibile vendere oro usato.
Entrambi questi metalli sono utilizzati anche come investimento, per quanto riguarda l’oro è possibile investire sia sui mercati azionari che acquistando lingotti o monete da investimento.
Lo tesso vale anche per l’argento anche se in questo caso è più semplice utilizzare i mercati azionari in quanto essendo il suo prezzo di molto inferiore a quello dell’oro investire in argento fisico comporterebbe problemi di stoccaggio ed ingombro.
Oltre ad oro ed argento esistono altri metalli preziosi come il platino e tutti i metalli particolarmente rari derivanti da questo.
Investire in questi metalli rari e molto costosi non è sempre semplice quanto con oro ed argento, in alcuni casi la scarsezza di questi metalli unita alla forte domanda sul mercato rendono questi pressoché introvabili e non presenti sui tradizionali circuiti di investimento. Come nel caso del rodio diventato estremamente scarso da quando è divenuto praticamente necessario per la realizzazione delle auto catalitiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *